Home

 

Biografia Libri e bibliografia Multimedia e teatro Articoli News Links 

 

 

 

 


 

 

NOTA BIOGRAFICA

 

 

Andrea Balzola

e-mail balzoland@gmail.com

Sceneggiatore, drammaturgo e regista multimediale, teorico del rapporto tra nuovi media, arte e spettacolo. Direttore della Scuola di Nuove tecnologie dell’Arte dell’Accademia di Brera, dov’è docente di ruolo di Drammaturgia Multimediale e Progettazione Multimediale. Ha realizzato testi e regie teatrali multimediali, molte pubblicazioni teoriche e artistiche (riviste di arte, cinema, teatro, volumi per editori Feltrinelli, Garzanti, Audino etc), filmati per la Rai e per diverse istituzioni culturali italiane e straniere. Ha lavorato su molti progetti performativi, multimediali ed editoriali, collaborando con, tra gli altri, Sandro Baldoni, Tullio Brunone, Theo Eshetu, Marisa Fabbri, Dario Fo, Nico Garrone, Memé Perlini, Luca Ronconi, Jole Rosa, Studio Azzurro, Compagnia Verdastro-Della Monica, Giacomo Verde, Emanuela Villagrossi, Xlabfactory, fa parte dell’associazione Diverse Abilità per il teatro integrato diretta da Alessandra Panelli.

Nato a Torino, vive a Roma e Milano

 

Anni Settanta

Inizio anni ’70, Il padre, il pittore Gino Balzola (1927-1983) e il suo amico umorista Giorgio Cavallo (1927-1994), lo portano a vedere gli spettacoli e le prove di Dario Fo, di cui sono amici. E’ il seme della sua passione per il teatro.

Scrive una lettera a Carmelo Bene, che lo invita ad assistere alle riprese del suo Otello televisivo, negli studi Rai di Torino, 1979.

Sceneggiatura e regia di due cortometraggi fiction in 16 mm (schede in catalogo Cinema e Video a Torino, Comune di Torino), riprese di Gabriele Gaidano.

Anni Ottanta

Dopo una recensione inviata e pubblicata dalla rivista Cinema Nuovo, nel 1980 viene chiamato a collaborare dal suo direttore, Guido Aristarco, docente di Storia e critica del cinema all’Università di Torino. Qui conosce Franco Prono e Liborio Termine, anch’essi docenti di cinema.

Ricerca CNR-Università di Torino su Le origini del cinema a Torino. 

Frequenta un corso di sceneggiatura svolto da Cesare Zavattini all’Università di Torino (1982)

Laurea in Lettere moderne – Storia e critica del cinema (Prof.Liborio Termine), Università di Torino, tesi di ricerca sui palinsesti televisivi (L’innovazione televisiva, 1987), con dignità di stampa.

Nomina Cultore della materia in Storia e critica del cinema presso le Università di Torino e di Roma, dove svolge seminari, attività di ricerca e assistenza agli esami (Prof.ri Termine e Aristarco)

Come critico d’arte, collaborazioni con numerose riviste e giornali (Mosaico, Piemonte vivo, Gazzetta del Popolo diretta da Angelo D’Orsi), gallerie d’arte ed edizioni d’arte, enti pubblici, musei e fondazioni (Galleria civica Arte Moderna, Regione Piemonte, Comune e Provincia di Torino), scrive testi per cataloghi e monografie degli artisti Aimone, Casorati, Calandri, Davico, Fanelli, Franco, Gyarmati, Gorza, Guasco, Katsutomi, Mantovani, Paulucci, Pfeiffer, Scroppo, Surbone, Valentini e altri.

Curatore di rubriche sul rapporto arte, media e alimentazione per le riviste Informatore Alimentare e Cibus.

Dal 1982 collaborazione alla trasmissione tv Mixer, di Rai 2, diretta da Giovanni Minoli, ed emittente svedese Ecomedia Skandinavia, realizzazione di reportage filmati in Europa (Parigi, Berlino, Scandinavia), con Renato Sala.

Nel 1983, grazie a Giuseppe Garimoldi e al direttore Aldo Audisio, inizia la collaborazione con il Museo Nazionale della Montagna “Duca degli Abruzzi” di Torino per numerosi cataloghi delle mostre, sul rapporto tra cinema, media e montagna.

Partecipazione e cura del volume d’arte Onde (libro e disco), con Pino Mantovani, incisioni di Lea Gyarmati e musiche di Marino Pessina, voce di Luisa Castellani, 1984.

Con l’artista Gino Gorza viaggi in Indonesia e nell’Europa dell’Est. Fonte d’ispirazione per scritti e racconti.

Nel 1984 incontra il grande Maestro spirituale buddhista tibetano Khenpo Kalu Rinpoce.

Organizzazione della mostra antologica e catalogo del padre pittore Gino Balzola, con testi di Massimo Mila, Angelo Dragone, Ferdinando Albertazzi, Regione Piemonte, Comune e Provincia di Torino, 1985.

Realizzazione di video su artisti (Carretti, Gastini, Gorza, Griffa, Zorio,etc.), e di un libro d’artista, per la rivista Mosaico, diretta da Natalia Casorati.

Inizia a insegnare come supplente annuale sulla cattedra di Teoria e metodo dei mass-media presso l’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino

Anni Novanta

Giornalista pubblicista dal 1991.

Collaborazione alla nuova casa editrice e rivista Aleph cinema e altri media, diretta da L.Termine.

Con Ettore Ghinassi, P.Mantovani e Riccardo Cavallo, pubblicazione del volume Figure d’arte. Artisti a Torino dagli anni ’50. 1991

Viaggi in Indocina e Birmania con Renato Sala, fonti d’ispirazione del romanzo Fino all’ultima pagoda, 1993. Per la rivista Paramita raccoglie e traduce testi del Maestro buddhista birmano Uppanadhipa.

Collaborazione riviste di teatro Sipario e Il castello di Elsinore.

Nomina di ruolo sulla cattedra di Teoria e metodo dei mass-media Accademia di Belle Arti (1992). Prende servizio all’Accademia di Belle Arti di Carrara, dove nel 1999 fonda e dirige il Corso sperimentale di Arti Multimediali (poi diventato istituzionale nel 2004 come Scuola di Nuove Tecnologie dell’Arte). Qui conosce il pittore fiorentino Andrea Granchi, pioniere del cinema d’artista italiano, con il quale collabora su diversi progetti, iniziative e pubblicazioni.

Cura di seminari e rassegne sul Teatro televisivo e videoteatro, con il Prof.Franco Prono, nell’ambito delle cattedre di Storia del Teatro (Prof.R.Alonge) e Storia del cinema (Prof.L.Termine) Università di Torino, in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema e con il Teatro Stabile di Torino.

Realizzazione, con Franco Prono, di video sul Teatro televisivo di Luca Ronconi, Carlo Quartucci, Ugo Gregoretti, produzione Centro Regionale Universitario per il Teatro, di Torino. Pubblicazione del volume La Nuova scena elettronica. Il video e la ricerca teatrale in Italia, Rosenberg & Sellier, 1994.

Collaborazione con la cooperativa non udenti DIRE di Torino, per la realizzazione del video teatrale Melusina, tratto da un’antica leggenda medievale, con attori non udenti (collaboratori G.Gaidano, D.Idda, A.Ayassot, E.Riali, P.Roussel)

Collaborazione con la Galleria civica d’arte moderna di Torino, per volumi sulla collezione.

Membro Comitato scientifico mostra e catalogo Ars Lab. I sensi del virtuale, a cura di Claude Faure, Maria Grazia Mattei, Franco Torriani. 1995. Iniziative artistico-politiche in collaborazione con l’artista Piero Gilardi.

Trasferimento da Torino a Torre Pellice (1992-1995), è tra i soci fondatori dell’Associazione Amici della civica Galleria d’arte moderna “Filippo Scroppo” di Torre Pellice che riesce ad aprirne la sede permanente e organizza numerose mostre con catalogo patrocinate dalla Regione Piemonte e dal Comune.

Inizia l’attività di autore teatrale, sottoponendo i suoi testi alla lettura di Dario Fo, Luca Ronconi, Marisa Fabbri, da questi testi sono tratti uno spettacolo di teatro-danza (Con tatto, Compagnia Mosaico, regia di N.Casorati) e due spettacoli teatrali (Il dolore, Democrazia, con Marisa Fabbri, prodotti dal Teatro Stabile di Torino, regia di Mauro Avogadro,  e dal Teatro di Roma, regia di Claudio Longhi, laboratorio con Ronconi.

Pubblicazione raccolte di poesie in tre volumi d’arte (Disgregazione, Zero, Nostra Dormiente), con l’artista Francesco Franco, e in antologia (L’Addomesticamento del bue).

Trasferimento a Roma nel 1996.

Collaborazione con Editori Riuniti Multimedia per realizzazione CD rom su linguaggio e tecniche della pubblicità.

Costituzione dell’Associazione di Tecno-Teatro ZoneGemma, a Lucca, con Giacomo Verde, Massimo Cittadini, Anna Maria Monteverdi.

Scrittura del primo ipertesto teatrale italiano Storie Mandaliche, per uno spettacolo multimediale interattivo con la regia e la narrazione  di Giacomo Verde. Pubblicazione dei testi e del work in progress teatrale (1998-2004) in volume, edizioni Nistri-Lisci, 2005

1994-2006 Ideazione e realizzazione, insieme al designer Silvio Artero e all’artista Johannes Pfeiffer del progetto artistico internazionale  Weltanschauung – Cambiamo l’immagine del mondo, in collaborazione con il Goethe Institut, a cui hanno partecipato centinaia di noti artisti, scrittori, filosofi e poeti di tutto il mondo, presentato alla Fondazione Cini di Venezia, al Festival di Sarajevo, al Lingotto di Torino, al Museo d’arte contemporanea di Palermo e al Palazzo dell’Onu di New York con il patrocinio di Kofi Annan. Progetto documentato  nel volume omonimo edito dall’editore Swiridoff, 2006.

Anni Duemila

Collaborazioni con il gruppo artistico Studio Azzurro,  per progetto Borders (2000), videoinstallazione interattiva Dove va tutta ‘sta gente (2000), progetto Transitorium, (in collaborazione con biennio specialistico NTA Brera), videoinstallazioni per le Terme di Diocleziano di Roma (2003-2005), spettacolo interattivo Galileo all’Inferno (2006), volume antologico Feltrinelli (2007) e catalogo mostra Ambientes sensibiles Museo Sala Parpallò, Valencia (2009).

Pubblicazione del volume di racconti Storie di pittori, con Pino Mantovani (2002), illustrato da disegni degli 15 artisti. Ciclo di presentazioni con mostre dei disegni a Torino, Firenze, Roma, Milano.

Dal 2003 insegnamento sulle cattedre di Drammaturgia Multimediale e Culture digitali all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, nella Scuola di Nuove Tecnologie dell’Arte, membro del comitato scientifico e coordinatore del corso di primo livello.

Docenze a contratto Università di Firenze e Palermo, Conservatorio di Trieste e corsi di specializzazione per la Regione Piemonte e la Regione Toscana, Scuola civica del Cinema e della Televisione di Milano.

Pubblicazione del volume, con AM.Monteverdi, Le arti multimediali digitali, Garzanti, 2004 (3 edizioni ed E-book).

Realizzazione di tre sceneggiature cinematografiche di lungometraggi, con Rocco.A.Barbaro, che ottengono il finanziamento ministeriale per la produzione (regie dei film di Paolo Modugno e Sandro Baldoni). Insieme a Nico Garrone e Memé Perlini realizzazione della sceneggiatura Si gira!, liberamente tratta dal romanzo di Pirandello Serafino Gubbio operatore.

Ideazione e testi del progetto crossmediale (studio teatrale, video, graphic novel), con Mauro Lupone,  La Fattoria degli anormali, liberamente ispirato a G.Orwell, produzione Xlabfactory (2005), sceneggiatura con R.Pesce, del fumetto disegnato da Onofrio Catacchio, finalista a Lucca Comics 2007.

Collaborazione alla rubrica di teatro diretta da Nico Garrone sul quotidiano Off, e alla rivista di psicologia e cinema Eidos.

Regia del documentario L’isola che c’è. viaggio dentro il laurentino 38” (55’) (con Alessandra Panelli e l’Associazione Diverse Abilità di Roma), edito in Dvd per Fandango, nel 2008, insieme a un volume e alla videodocumentazione degli spettacoli teatrali I viaggi di Gulliver e L’isola che c’è. Viaggio dentro casa (drammaturgia A.Balzola. regia A.Panelli), realizzati nell’ambito dei laboratori del Centro Salute Mentale Asl Laurentino 38.  

 

Nel 2005 scioglimento dell’associazione di tecnoteatro ZoneGemma e fondazione di una nuova associazione XlabFactory, con la quale progetta e mette in scena (come autore e regista), tra il 2005 e il 2009, tre progetti crossmediali e teatrali: La fattoria degli anormali (liberamente ispirato a Orwell, dramma grottesco sulle manipolazioni genetiche), Racconti del Mandala (nuova versione riveduta delle Storie Mandaliche, con i nuovi collaboratori e nuovi interpreti), Oltre la vista del mondo-A message in a bottle (sui poeti romantici inglesi Byron e coniugi Shelley durante la loro permanenza nel Golfo dei poeti). E un video sulla storia dell’Arsenale militare di La Spezia: Ars&Navis.

 

Nel 2009 avviamento del progetto crossmediale e teatrale: Le voci del vulcano (la torre di Hölderlin), nell’ambito della Scuola di Nuove Tecnologie dell’Arte dell’Accademia di Brera a Milano (con docenti e allievi di Brera e la collaborazione della Compagnia Verdastro-Della Monica). Progetto concluso e presentato nel Teatro di Brera nel 2012 e documentato in volume, edito da Scalpendi.

 

Nel 2011, per i 150 anni dell’Unità d’Italia il Festival Arcipelago Teatro di Porto Venere commissiona uno spettacolo sulla Contessa di Castiglione, scrittura e regia di Specchio delle mie trame, con l’attrice Jole Rosa.

 

Nel 2012, a Milano, va in scena una nuova versione del testo Democrazia, con l’attrice E.Villagrossi, regia di M.Arena, al Teatro Officina e viene rappresentato al Piccolo Teatro Grassi i Racconti del Mandala, nell’ambito del Festival internazionale “Trametissage” organizzato da Outis.

 

Pubblicazione dei volumi: Drammaturgia multimediale (testi e immagini degli spettacoli multimediali messi in scena dall’autore), Editoria e Spettacolo, 2009;  Storyboard. Arte e tecnica tra lo script e il set, con R.Pesce, Dino Audino editore, 2009; Arte e Media, Scalpendi editore- NTA Accademia di Brera, 2010; La scena tecnologica. Dal video in scena al teatro interattivo, Dino Audino editore, 2011;

 

2013 Direttore della Scuola di Nuove Tecnologie dell'Arte dell'Accademia di Belle Arti di Brera.